DA DUCHAMP A WARHOL/DADAISMO DADAISMI
quando la trasgressione diventa arte



300 capolavori in mostra

18 luglio-9 novembre 1997





Arte o anti-arte? Arte o provocazione? Urlo o silenzio? Protagonismo o misticismo? Sono questi i temi di un quesito che non cesserà mai di sollecitare dibattiti, ricerche ed opinioni intorno al movivento Dada (1916-1922), ai suoi protagonisti ed ai suoi discepoli. La grande mostra (più di 300 capolavori) che rimarrà aperta al pubblico a Palazzo Forti, sede della Galleria Comunale di Verona, dal 18 Luglio al 9 Novembre 1997, affronterà una simile problematica alla luce di un secolo che del dadaismo è in buona parte figlio e che dal dadaismo ha attinto alcune delle sue più esaltanti ispirazioni creative.
Pop Art, Noveau Realisme, Fluxus, Arte Povera, Poesia Visiva ed altre poetiche e tipologie del linguaggio d'avanguardia hanno mantenuto vivo fino ai nostri giorni un rapporto stretto con quelle premesse, alla luce delle mutate situazioni storiche e culturali.
La mostra, a cura di Giorgio Cortenova, non si limiterà a tracciare uno spaccato del dadaismo, attraverso i lavori di Marcel Duchamp, Hans Arp, Man Ray, Francis Picabia, Hans Richter, George Grosz, Otto Dix e degli altri grandi protagonisti che ne contrassegnarono gli esordi a Zurigo, New York, Berlino e Parigi, ma analizzerà anche la continuità dello spirito dadaista attraverso quelle opere e quegli artisti che più di altri hanno saputo rinnovare il linguaggio dell'arte contemporanea mantenendo un dialogo aperto con la vicenda dadaista. Da Tàpies a Fontana, da Rauschenberg a Christo, da Arman a Cesar, da Spoerri a Warhol, da Baj a Pozzati, da Pistoletto a Merz, da Manzoni a Pascali, da Klein a Paik, da Falhström a Chiari, da Kounellis a Ceroli, da Blaine a Sarenco, da Beuys a Schifano, da Kline a Cavaliere, attraverso un esauriente panorama di più di cento protagonisti dell'arte del secolo.
Scandalo e provocazione, coscienza della crisi dei linguaggi ed irrisione: mai, come nel secolo che sta per finire, il "comune buon senso" fu ugualmente provocato e demistificato, mai le "buone maniere" furono ugualmente "violentate" e la società posta davanti alle eterne ipocrisie dell'umanità.
Le opere, provenienti dal Museo Cantini, dal MAC di Marsiglia e da oltre trenta prestigiose collezioni pubbliche e private europee, verranno collocate nelle sale di Palazzo Forti, nell'affascinante contrasto tra antico e moderno. Tele sospese nel soffio dell'aria, macchine celibi, strumenti musicali deformati, opere d'aria e di plastica, di terra e di vetro: in altre parole i più importanti capolavori dello "scandalo" artistico del nostro secolo si alterneranno a tele e sculture cariche di lirismo ma ugualmente provocatorie rispetto ai consueti equilibri ed alle tradizionali armonie dell'arte.


Giorgio Cortenova (courtesy "Art Dossier")


Licenza SIAE no 01 (CGCAOO/01) del 22/10/99
Tutti i diritti degli autori delle opere sono riservati. Sono vietate, in mancanza di autorizzazione della SIAE, la riproduzione delle opere e tutte le utilizzazioni diverse dalla consultazione individuale e privata.


© 1996, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Palazzo Forti - VERONA -Tutti i diritti riservati
Realizzato da Intesys Srl