BIOGRAFIA

1858
Angelo Dall'Oca Bianca nasce il 31 marzo a Verona in vicolo Cavalletto al numero civico 1084 da Beatrice Resi e Giuseppe Dall'Oca. Il padre, verniciatore, investe i propri risparmi in un'osteria.
Il fallimento di tale attività conduce la famiglia in assoluta povertà .
Nelle Note biografiche stese nel 1897 il pittore parla della sua turbolenta gioventù trascorsa negli angoli e nelle strade di Verona, lontano dalla scuola e dallo studio.

1873
Dopo la morte precoce del padre, comincia a lavorare come manovale, imbianchino, muratore e a studiare. A 15 anni esegue il ritratto Mio padre, per convincere la madre della consistenza del suo talento pittorico. Con l'aiuto dello scultore Ugo Zannoni, il direttore Napoleone Nani e Angelo Pegrassi, entra all'Accademia Cignaroli - Scuola Brenzoni di Pittura e Scultura di Verona dove rimane, molto probabilmente, fino alla primavera del 1876, anche se il Registro delle Matricole d'Iscrizione dell'Accademia veronese riporta il suo nome solo nell'anno 1873/74. In accademia rivela subito un eccezionale temperamento.

1876
In una biografia, scritta per il catalogo della Biennale veneziana del 1912, Dall'Oca ricorda il suo ingresso nel 1876 all'Accademia di Belle Arti di Venezia, omettendo l'iscrizione e la frequenza all'Accademia veronese. La sua presenza all'Accademia di Venezia non è rintracciabile nei registri, forse perché iscritto a corsi liberi per i quali non si registravano i nomi degli allievi, ma è tradizionalmente menzionata nelle biografie del pittore sulla scorta delle sue dichiarazioni.
Molto probabilmente Dall'Oca, regolarmente iscritto all'Accademia Cignaroli, frequenta contemporaneamente i corsi liberi di nudo dell'Accademia veneziana.
Risente della "pittura vernacolare" di Giacomo Favretto che influenza il suo indirizzo artistico, come lo stesso pittore scrive nelle Note biografiche del 1897: "devo all'arte sinceramente viva del povero Favretto - ammirata visitando il suo studio - la buona luce che si è fatta nel mio indirizzo artistico".
Comincia ad esporre insieme ad altri artisti veronesi come Milesi, Novello, Cristani, Navarra, De Stefani. Partecipa per la prima volta all'Esposizione della Società di Belle Arti di Verona. Sarà presente fino al 1892 con regolarità alle mostre (annuali fino al 1886 e biennali successivamente) organizzate dalla Società di Belle Arti di Verona.

1880
Secondo l'articolo di Riccardo Avanzi, pubblicato su "L'Arena" del 2 dicembre, Angelo è sotto le armi. Nello stesso articolo il critico difende il pittore dalle accuse di essere un imitatore di Giacomo Favretto. Oltre all'Esposizione della Società di Belle Arti Dall'Oca partecipa all'Esposizione di Brera a Milano e all'Esposizione di Torino. Vi conosce il pittore Francesco Paolo Michetti.

1881
Nel mese di aprile la stampa parla del suo trionfo all'Esposizione Nazionale di Milano, dove riesce a vendere, ancora prima dell'inaugurazione, tre quadri.
Questo appuntamento, le esposizioni dell'anno precedente e quelle successive, lo mettono in contatto con le diverse correnti artistiche italiane ed europee come l'impressionismo, il divisionismo e il simbolismo.

1882
Soggiorna a Roma, dove conosce uomini di cultura come Carducci, D'Annunzio, Pascarella ed è presentato alla Regina Margherita che gli commissionerà diversi dipinti.
Sempre al periodo romano risalgono i primi interessi per la fotografia, dovuti, anche all'amicizia con Francesco Paolo Michetti. Il primo dipinto, comunque, per il quale è documentabile l'uso della fotografia è già Il lavatoio, esposto nel 1881 a Brera. Soggiorna brevemente a Firenze.
A causa della disastrosa piena dell'Adige, avvenuta la notte del 15 settembre, l'esposizione della Società di Belle Arti di Verona, programmata per novembre-dicembre, non è effettuata. Molti artisti veronesi, tra cui Dall'Oca, con i piedi nel fango, dipingono la Verona che sta per scomparire.

1883
Non avendo potuto esporre nella propria città nel 1882, a causa dell'inondazione, Dall'Oca, Sorio, Avanzi, Cabianca, Nani, De Stefani inviano le proprie opere, all'inizio del 1883, all'Esposizione Internazionale di Belle Arti, ospitata nel nuovo Palazzo delle Esposizioni di via Nazionale, a Roma.

1884
Partecipa all'Esposizione Nazionale di Torino. In tale occasione i sovrani d'Italia acquistano due sue tele e la regina Margherita gli commissiona altri lavori.
All'Esposizione Internazionale di Barcellona espone ottiene il primo premio con Pelarine e Punto?

1885
Con Mosè Bianchi e Luigi Nono espone ad Anversa. A Vienna tiene una personale.
La regina Margherita gli commissiona due quadri, Ritorno dai campi e Vendemmia.

1886
E' nominato membro dell'Accademia di Belle Arti Cignaroli e della Società di Belle Arti di Verona.
In autunno partecipa all'Esposizione di Brera a Milano ottenendo il premio Principe Umberto per il quadro Ave Maria gratia plena, che resta nella Galleria d'Arte Moderna della città.

1887
Partecipa all'Esposizione Nazionale di Venezia.

1888
Partecipa ad altre esposizioni a Monaco, a Barcellona, a Vienna, a Bologna, a Torino, a Milano.

1891
Sul finire dell'anno presenta due opere all'Esposizione Nazionale di Belle Arti di Palermo; con lui ci sono anche Avanzi, Nani e Calvi. A Monaco di Baviera espone invece - alla Mostra Internazionale - accanto a Vincenzo De Stefani e Francesco Danieli. Il De Stefani vince la Medaglia d'oro con il dipinto A lavoro finito. La cosa suscita scalpore sui giornali di Verona e si accendono le polemiche: il Dall'Oca è "battuto a Monaco da un suo compaesano"; ma l'artista rettifica "no non è vero che sia stato battuto, io concorrevo nelle scene di figura mentre il De Stefani è stato premiato per il paesaggio". Partecipa inoltre alla Triennale di Brera, a Milano.

1892
E' tra i soci fondatori del Circolo Artistico che, travolto in breve tempo "dallo spirito di fazione e dalle beghe", finirà con il dissolversi. Alla mostra inaugurata il 2 maggio il pittore non prende parte giustificandosi con i troppi impegni fuori Verona. A partire da quest'anno diserterà tutte le esposizioni della sua città. Partecipa invece all'Esposizione Nazionale di Belle Arti di Palermo e di Genova.

1893
A Chicago si tiene l'Esposizione mondiale. Il Veneto è rappresentato da Nani, Dall'Oca, Ciardi, Fragiacomo, Nono, Milesi, Da Molin, Gasperini, Lancerotto.

1894
Partecipa in maggio all'Esposizione internazionale di Berlino con La Prima Messa, acquistato dalla Società Artistica per il Museo Civico di Berlino.

1895
In aprile presenta due quadri all'Esposizione di Berlino e, altri due, a quella di Praga. Nel mese di settembre attacca, con lo pseudonimo B. Gugole, il maestro-direttore Napoleone Nani, dell'Accademia di Pittura e Scultura Cignaroli.

1896
Continua a battersi, contro Napoleone Nani, per il rinnovamento dell'insegnamento all'Accademia Cignaroli e ad esporre con assiduità all'estero.

1898
Lavora al dipinto Gli amori delle anime, esposto a Torino e giudicato la più forte opera del pittore.
Il dipinto, premiato nel 1900 a Parigi, successivamente a Saint Louis e nel 1908 a Verona, costituisce una svolta importante nella attività pittorica dell'artista che vi affronta temi d'ispirazione foscoliana, ripresi fino agli inizi del Novecento, e si accosta alle tecniche divisioniste.

1899
Appoggia, nelle polemiche nate all'interno dell'Accademia Cignaroli, Mosè Bianchi che giudica il Nani conservatore.
Su "L'Arena" sono pubblicati due articoli, firmati G. N., con i quali il pittore è accusato di "truffare il pubblico avvalendosi dell'uso di fotografie" e di agire con "talentone da industriale".
Espone per la prima volta a Venezia alla III Esposizione Internazionale.

1900
Partecipa all'Esposizione Universale di Parigi ottenendo la Medaglia d'oro per l'opera Gli amori delle le anime del 1898; è all'Esposizione Triennale di Milano e infine all'Esposizione Internazionale di Berlino con Anime assolte.

1901
A Budapest espone 56 opere.

1903
Riceve l'invito all'Esposizione di St. Louis.
Prima dell'apertura della V Esposizione Internazionale d'arte della città di Venezia, nascono polemiche: Dall'Oca ha presentato alla giuria otto opere ed ha espresso il desiderio di essere "in tutto accettato o in tutto rifiutato", per poter mostrare "ognuna delle forme in cui si cimenta l'arte moderna". La giuria ritiene degne solo tre di esse e il pittore, deciso a ritirarle, riesce ad esporle tutte solo per l'intervento in extremis del presidente.

1905
Partecipa alla VI Esposizione Internazionale di Belle Arti della città di Venezia.

1907
Presenta due quadri alla VII Esposizione Internazionale di Belle Arti della città di Venezia e due a Barcellona.

1908
Torna ad esporre nella propria città dopo diciotto anni d'assenza in occasione del cinquantenario della fondazione della Società di Belle Arti di Verona con l'opera Gli Amori delle anime e Testa di donna.
Per tutto l'anno le cronache riportano il caso de Gli Amori delle anime (1898): la Giunta Comunale di Verona interessata all'acquisto ritiene il prezzo (25.000 lire) eccessivo per il proprio bilancio; il quadro viene, infine, acquistato da Rodolfo Angheben, assessore comunale, e da lui donato al Comune di Verona.

1910
Partecipa alla IX Esposizione Internazionale di Belle Arti della città di Venezia.

1912
A tre anni dalla pubblicazione del manifesto del Futurismo l'artista difende, nel catalogo della X Biennale, la propria pittura, da molti considerata invecchiata e sorpassata.
È presente alla X Esposizione Internazionale di Belle Arti della città di Venezia con una Mostra individuale di 81 opere. L'esito della mostra è contestato dagli stessi veronesi. Il pittore risulta estraneo alla cultura di questi anni - segnata da pittori come Casorati, Trentini, Nardi - in quanto insiste su tecniche e temi ormai desueti.

1915
Riceve l'invito a partecipare alla Biennale del 1916. Malgrado risponda positivamente all'invito, non vi partecipa: il suo nome, infatti, non risulta nel catalogo della successiva Biennale, tenutasi nel 1920, dopo la fine della guerra.
Da questo momento, pur continuando a lavorare fino agli ultimi anni, rifiuta di partecipare ad altre esposizioni e diventa il difensore, della "Vecchia Verona minacciata dal progresso civile". Diversi sono i suoi scritti e articoli contro le istituzioni moderniste.

1921
Al Teatro Filarmonico, il 18 dicembre, Renato Simoni tiene un discorso in onore degli amici Dall'Oca e Berto Barbarani. In aprile il Comune di Verona organizza, nella sede museale del Teatro Romano una mostra di disegni del pittore. Intorno a questi anni frequenti sono i soggiorni sul Lago, a Garda e a Torri del Benaco dove l'11 ottobre del 1925 pronuncia un discorso di ringraziamento per aver ricevuto la cittadinanza onoraria del paese.

1931
Giovani allievi di Guido Trentini, all'Accademia Cignaroli, distruggono in 52 pezzi un nudo giovanile del 1875, per protestare contro chi considerano un "ingombrante relitto del passato". Il disegno ritrovato in un pozzetto stradale è ricostruito da un restauratore, ed è oggi conservato alla Galleria d'Arte Moderna di Verona.

1932
Reclama, indignato, la restituzione del quadro Piazza Erbe, esposto alla Biennale di Venezia del 1903, rimasto per anni nella Galleria d'Arte Moderna della città lagunare, rimosso dalle sale aperte al pubblico e confinato nei magazzini delle "croste". Il dipinto entra a far parte, in deposito permanente, della Collezione Civica della Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Verona.

1937
Dona il ricavato della vendita del dipinto Ave Maria (un primo bozzetto del quadro Ave Maria gratia plena) a favore delle povere famiglie delle Casematte.

1939
Il 24 dicembre è inaugurato il Villaggio Dall'Oca, costruito grazie ad una donazione del pittore e in seguito ampliato con il suo lascito testamentario.
Nell'estate sono inaugurate quattro sale "dallochiane" nella Galleria d'Arte Moderna di Verona e il Comune pubblica un fascicolo Opere di A. D. B. alla Galleria d'arte Moderna, con prefazione di M. Biancale.
È pubblicata, a cura di Carlo Manzini, dall'editore Mondadori, la monografia Angelo Dall'Oca Bianca nell'arte e nella vita, con saggi di R. Simoni e G. Marangoni, corredata da novantuno tavole in bianco e nero e in tricromia, riproducenti le opere più significative dell'artista.

1941
Il 26 maggio dispone, per iscritto, del proprio patrimonio e nomina erede universale il Comune di Verona al quale lascia le opere, lo stabile di via S. Maria Rocca Maggiore 13, titoli e denaro. Chiede al Comune di raccogliere le sue più importanti opere in una Galleria, disposta in modo "che la luce dall'alto le illumini tutte", e di costituire, con queste e quelle donate due anni prima, "in perpetuo un complesso, una galleria, a carico dell'Erede Universale".
Autorizza la vendita delle altre opere e dispone che, con i redditi del patrimonio, sia garantito un assegno annuo (50.000 lire) alla nipote Teresa, che riceverà anche l'usufrutto della casa in via S. Maria Rocca Maggiore; dispone che siano istituite tre borse di studio annue (2.500 lire) per gli allievi dell'Accademia Cignaroli e sia dato un sussidio a favore delle vecchie povere di S. Tommaso, ai bambini abbandonati dell'Istituto E. Caldara, e del Villaggio.

1942
Il 18 maggio muore a 84 anni, in via Santa Maria Rocca Maggiore 13.



Licenza SIAE no 01 (CGCAOO/01) del 22/10/99
Tutti i diritti degli autori delle opere sono riservati. Sono vietate, in mancanza di autorizzazione della SIAE, la riproduzione delle opere e tutte le utilizzazioni diverse dalla consultazione individuale e privata.


© Copyright 2000-2002, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Palazzo Forti - VERONA -Tutti i diritti riservati
Website realizzato da Intesys Srl