GRAFICA

EDVARD MUNCH
La bambina malata I
1896



EDVARD MUNCH
Autoritratto con braccio scheletrico
1895




EDVARD MUNCH
August Strindberg
1896




EDVARD MUNCH
Stèphane Mallarmé
1896



EDVARD MUNCH
Autoritratto con una bottiglia di vino
1930

"La natura non è soltanto ciò che è visibile agli occhi. Essa è anche
l'insieme delle immagini interiori della mente. Immagini al di là dell'occhio".
1907-1908, Edvard Munch

L'opera grafica di Munch comprende circa 750 soggetti diversi ripartiti nelle tecniche dell'acquaforte, dell'acquatinta, della litografia, della xilografia e un centinaio di cosiddetti monotipi, ovvero stampe in esemplare unico ricavate da un disegno non permanente eseguito su lastra metallica. Oltre che per la sua abilità, egli è stimato per le innovazioni tecniche che apportò alla grafica; nell'ambito della xilografia per esempio, egli è uno dei primi artisti a intagliare il legno lungo la fibra, con le fibre parallele al piano d'incisione e non secondo il metodo tradizionale, di testa, con le fibre perpendicolari al piano. Ciò gli permette di realizzare formati grandi e di rendere le venature del legno visibili nell'opera finita. Ma dietro questo procedimento si cela anche la volontà di captare l'anima del legno; le linee sinuose delle venature vengono percepite come l'energia del legno riversata nell'opera d'arte.
Con ogni probabilità Munch esegue le prime opere grafiche a Berlino, nel 1894. Si è cercato di ricostruire i suoi anni di apprendistato, ma è pressoché impossibile indicare con precisione da chi egli abbia appreso quest'arte. Essendosi rivolto alla grafica tardi, da artista ormai maturo ed affermato, acquisì rapidamente la padronanza delle tecniche con il Eprobabile contributo di stampatori professionisti. I più importanti impulsi gli vengono da opere di artisti come Toulouse-Lautrec, Odilon Redon, Félix Vallotton, Max Klinger, Max Liebermann e di Herman Schlittgen.
Nelle opere grafiche Munch riprende spesso temi e soggetti già trattati precedentemente. Ciò vale ad esempio per una delle prime incisioni a puntasecca, La bambina malata del 1894, ripetizione del soggetto di un dipinto del 1885-1886. Nello stesso anno esegue anche le prime acqueforti e litografie; nella primavera dell'anno successivo nascono le splendide versioni litografiche di Il bacio, Madonna, Vampiro e Il grido. Uno dei capolavori dell'arte simbolista è senza dubbio il primo autoritratto di Munch realizzato a litografia nel 1895: Autoritratto con braccio scheletrico. L'artista si è ritratto frontalmente, il suo sguardo sembra vagare nel vuoto. Il volto e il braccio scheletrico emergono dallo sfondo nero che oscura le spalle, la testa appare dunque staccata dal resto del corpo. L'opera, che, per la presenza di motivi escatologici, è stato paragonata a una stele funeraria, è un esempio del modo diretto di affrontare il tema della morte da parte di Munch.
Del 1986 sono i ritratti di August Strindberg e di Stéphane Mallarmé. Il primo è provvisto di un bordo ornamentale che, con ogni probabilità, illustrava alcune idee teosofiche in voga negli anni novanta e doveva esprimere l'aura di forza e vitalità che emanava dal personaggio.
A Parigi l'artista inizia a sperimentare la xilografia. Questa tecnica presentava alcuni vantaggi, per esempio il fatto che i materiali erano meno costosi rispetto a quelli necessari per gli altri procedimenti e che si potevano eseguire delle prove di stampa senza usare la pressa. Sia in Malinconia e Angoscia, versioni di dipinti famosi del 1894, eseguite nel 1896, che in xilografie del periodo successivo come Tête a tête del 1905, Munch dà prova delle sua qualità di incisore. Di grande intensità è infine la litografia Autoritratto con una bottiglia di vino del 1930, una rielaborazione del soggetto di un dipinto eseguito nel 1906. La scena si svolge in un periodo critico della vita di Munch, che lottava con la dipendenza dall'alcool, e ha luogo in un ristorante di Weimar. Nella versione litografica l'immagine risulta speculare rispetto al dipinto, cosicché l'attenzione dello spettatore si rivolge maggiormente al viso del modello. La resa meno realistica dell'ambiente, e delle figure sullo sfondo, rende l'atmosfera più enigmatica, quasi spettrale.


Licenza SIAE no 01 (CGCAOO/01) del 22/10/99
Tutti i diritti degli autori delle opere sono riservati. Sono vietate, in mancanza di autorizzazione della SIAE, la riproduzione delle opere e tutte le utilizzazioni diverse dalla consultazione individuale e privata.


© 1996-1999, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Palazzo Forti - VERONA -Tutti i diritti riservati
Website realizzato da Intesys Srl