Indietro
 
David Ligare

David Ligare nasce nel 1945 ad Oak Park nell'Illinois. Nel 1951 si trasferisce con la famiglia a Los Angeles dove frequenta l'Art Center College of Design. L'artista vive e dipinge in una delle zone più affascinanti e magiche della California, la contea di Monterey. La costa del Pacifico ispira gran parte delle sue opere a partire dalla metà degli anni sessanta, quando realizza una serie di luminosissime vedute di Monterey e Big Sur ad acquerello. Durante gli anni Settanta si dedica ad un ciclo di nature morte che descrivono scampoli di tessuto lanciati in aria, librati sullo sfondo di cieli limpidissimi e di mari azzurro intenso (Naxos-Thrown Drapery, 1978). Ligare fa risalire la sua svolta classicista a questi drappi bianchi, memori dei panneggi delle antiche sculture di Grecia.
A partire dalla fine degli anni settanta i linguaggi e le storie della tradizione greco-romana divengono protagonisti dei suoi dipinti; l'artista riconosce come suoi numi tutelari Policleto, lo scultore del quinto secolo A. C. autore del famoso Doriforo, e Nicolas Poussin, l'artista francese vissuto a Roma nel corso del diciassettesimo secolo: "l'opera di entrambi rappresenta immagini e idee che hanno contribuito nel corso dei secoli alla rinascita del classicismo".
Per Ligare la ricerca di proporzioni ideali da cui nasce il canone di Policleto presuppone l'esistenza di un sistema di relazioni armoniche che attraversano la natura e il vivere sociale; nei dipinti di Poussin ogni singolo elemento compositivo risponde ad una misteriosa geometria strutturale, ogni figura, albero, nuvola, esprime una relazione profonda con l'insieme, suscitando nell'animo dello spettatore una particolare emozione, un insegnamento morale e ideale.
Al tentativo proprio della tradizione classica e umanistica di integrare le differenze in un tutto armonico, al rispetto per la natura, alla ricerca della bellezza e della sapienza tecnica e di un principio morale risponde tutta la pittura di David Ligare, un'arte anacronistica che ricerca il sublime attraverso la storia e la natura.
I suoi paesaggi allegorici (Landscape for Baucis and Philemon, 1984), le storie tratte dalla letteratura classica (Penelope, 1980; Achilles and the body of Patroclus, 1986), le nature morte dalle cromie brillanti, gli oggetti collocati entro motivi architettonici che si stagliano su di un sereno oceano blu (Still Life with Laurel and Olives, 2001) insistono sui concetti di simmetria, proporzione matematica, chiarezza e unità e danno vita ad immagini di perfezione, di idillio, che evocano una perduta età dell'oro.
David Ligare vive e lavora a Monterey County, California.

Indietro